trarzh-TWenfrdeelitfarues

HALAL

HALAL Islamic Conformity Certification

HALAL Islamic Conformity Certification

Il cibo halal è un problema in cui i consumatori sono molto sensibili nelle società musulmane che vivono nel nostro paese, in tutti i paesi islamici e persino in paesi stranieri. Ci sono circa 2 miliardi di persone musulmane nel mondo. Questa cifra indica che la dimensione commerciale dei prodotti alimentari halal in tutto il mondo è di circa 660 miliardi di dollari. Tuttavia, quando si tratta di certificazione halal, il problema non è limitato a cibo e bevande. La certificazione Halal è applicabile anche a tutti i prodotti cosmetici e le creme applicate al corpo umano e trasmesse al corpo. In effetti, è importante a questo proposito quali prodotti tessili sono prodotti dalla pelle dell'animale e quali materie prime sono ottenute da tinture tessili. È anche importante che la glicerina trovata nei sistemi utilizzati per filtrare l'acqua sia ottenuta da sostanze vegetali o animali.

Nel settore del turismo, che è un settore dei servizi, la menzione dei servizi alberghieri halal significa che i pasti e gli altri servizi forniti in questi hotel sono forniti in conformità con determinate regole islamiche. Pertanto, la certificazione halal si rivolge a una vasta gamma di settori. Quando questi settori vengono aggiunti, la dimensione commerciale del cibo e tutti questi servizi raggiunge 2 miliardi di dollari. Considerando il fatto che tutte queste cifre hanno portato ad una crescita annuale di 8-10, è ovvio quanto sia ampio lo scopo della certificazione halal.

Secondo le ricerche, il nostro paese è il secondo mercato globale in termini di cibo halal e stile di vita. In 2018, si stima che le dimensioni di questo mercato nel nostro paese raggiungano 240 miliardi di dollari. Il più grande mercato in questa zona è l'Indonesia. L'Arabia Saudita è al terzo posto.

Nel moderno sistema di produzione di oggi, non è possibile per nessun musulmano decidere se un prodotto è halal senza il supporto di esperti. Per prendere le decisioni giuste, sono necessarie analisi e valutazioni di esperti nei campi del cibo, dell'agricoltura, della medicina veterinaria, della biologia, della chimica e simili.

Perché un alimento sia halal, non è sufficiente che solo il prodotto alimentare stesso o le materie prime utilizzate nella sua produzione siano halal. Inoltre, l'origine del prodotto alimentare, i suoi processi di produzione o trasformazione e i metodi di lavorazione devono essere conformi ai principi della legge islamica. Allo stesso tempo, i materiali utilizzati in tutti questi processi devono essere ottenuti nel modo giusto secondo i principi religiosi islamici. Il cibo halal deve essere privo di haram o di cibi e sostanze sospetti.

In termini del significato della parola halal, permesso religiosamente, secondo le regole della legge islamica significa appropriato. È il cibo che Dio permette alle persone di mangiare e bere. Tutti i musulmani non devono raggiungere proibito. Deve vivere nel modo in cui gli è concesso di vivere. In questo senso, cibo halal significa gli alimenti che un musulmano può consumare secondo i principi dell'Islam.

La certificazione halal è un processo molto complesso. Questa complessità deriva sia dall'interpretazione della religione sia dalle possibilità tecniche. Pertanto, l'oggetto della certificazione halal dovrebbe essere esaminato e valutato molto bene. I documenti halal rilasciati da organizzazioni che non sono competenti e non dispongono dell'infrastruttura necessaria, anche se hanno buone intenzioni, comportano un rischio.

Ci sono alcune organizzazioni nel mondo che non sono accettate da alcune sette e studiosi religiosi ma che danno un certificato halal secondo i principi religiosi islamici. Ad esempio, il problema più controverso è se la gelatina, il siero del sangue, l'enzima e le sostanze simili prodotte dai maiali siano halal. Anche se non scientificamente provato, alcune organizzazioni riconoscono che la gelatina, il collagene e i lieviti animali prodotti da animali non tagliati halal sono stati alterati e danno la certificazione halal a questi prodotti. Per questo motivo, queste istituzioni dovrebbero essere esaminate molto bene mentre si ottiene il certificato halal.

Nel frattempo, all'interno della religione islamica, ci sono diversi approcci su alcune questioni in base alle differenze settarie o alle decisioni delle organizzazioni religiose dei paesi. Vi sono, per esempio, considerazioni e pratiche diverse riguardo al fatto che l'alcol etilico sia vietato da mezzi sintetici o vino. Alcune organizzazioni possono accettare l'aggiunta di alcol etilico al prodotto a tassi diversi.

Secondo gli standard halal accettati da alcuni paesi, la macellazione del pollame viene effettuata nei mattatoi con stordimento a gas e questi animali non sono accettati come halal. In alcuni paesi viene rilasciato un certificato halal ai volatili macellati in questo modo.

Un altro argomento che viene discusso sul cibo halal è se gli standard halal preparati da organizzazioni non musulmane nei paesi non musulmani saranno validi o meno. Esistono anche organizzazioni che supportano tali standard e conducono verifiche applicando questi standard e rilasciano certificati halal.

Cosa sono Haram e Halal?

In termini semplici, i comportamenti che non rispettano i principi religiosi islamici sono vietati e i comportamenti che li rispettano sono halal. Come in altre religioni, i concetti di haram e halal sono stati introdotti per le persone nell'Islam. Il dinal halal significa non proibito. A causa delle loro convinzioni, le persone che si convertono in halal ottengono la loro ricompensa. Tuttavia, vietato esprime il proibito e coloro che si rivolgono al peccato proibito. Haram è proibito.

I comportamenti, che sono considerati concettualmente vietati, a volte derivano dal comportamento stesso. Ad esempio, bere vino è vietato; Talvolta i comportamenti considerati haram sono considerati haram per una ragione esterna. Ad esempio, è vietato utilizzare denaro rubato.

È vietato consumare:

  • È vietato mangiare la carne di animali auto-morti che non vengono macellati per il consumo.
  • Il sangue degli animali macellati in conformità con i principi religiosi per essere consumato è assolutamente versato. È vietato bere o usare sangue.
  • I prodotti a base di carne di maiale e di maiale sono considerati haram perché i maiali vengono nutriti in condizioni sporche e quindi portano molte malattie nei muscoli. Oggi i maiali sono molto adatti per diffondere malattie anche se allevati in ambienti puliti.
  • Secondo la credenza islamica, gli animali macellati per essere consumati dovrebbero essere macellati solo allo scopo di nutrire e macellare in nome di Allah. Tutti gli animali macellati senza osservare queste condizioni sono considerati haram.
  • È anche vietato l'uso di alcol e sostanze simili che creano un senso di intossicazione negli esseri umani.
  • Infine, anche i prodotti che entrano in contatto con uno dei prodotti sopra elencati sono considerati haram.

Vi è controversia tra teologi islamici riguardo all'accettazione della carne di tutti gli animali terrestri come haram o halal. La carne di animali come tartarughe, rane e granchi è generalmente considerata haram. Inoltre, la maggior parte dei chierici considera anche la carne di muli, cavalli, asini e predatori dai denti di cane e artigli di rapaci.

Di conseguenza, le persone che non vogliono mangiare vietate secondo le loro credenze religiose, che evitano il peccato e vogliono consumare solo cibo halal, vogliono naturalmente essere sicuri di questa situazione e fidarsi delle attività delle organizzazioni di produzione alimentare.

Ecco perché emergono standard alimentari halal. I consumatori vorrebbero vedere il documento di Conformità Islamica Halal sui prodotti alimentari che indica se questi prodotti sono alimenti halal.

La caratteristica principale dello standard Halal Islamic Conformity è garantire che la produzione sia conforme ai principi religiosi islamici in tutte le fasi della produzione, dall'ingresso delle materie prime nell'impresa fino alla fornitura di consumatori. Inoltre, non solo lo stesso alimento è adatto, ma tutti gli ingredienti e gli additivi utilizzati nella composizione del prodotto devono essere conformi ai criteri islamici, sia come fonte sia come metodo di produzione.

In pratica, anche il sistema di conformità islamico Halal soddisferà i requisiti delle seguenti norme:

  • Buon impianto di produzione GMP
  • Sistema di buone pratiche di igiene GHP
  • Sistema di analisi dei rischi HACCP e punti critici di controllo

Lo standard di conformità islamica Halal richiede che tutti i processi di produzione, i materiali di imballaggio e le condizioni di conservazione degli alimenti siano conformi ai principi religiosi islamici.

Cosa guadagna il certificato di conformità islamico Halal?

A causa delle loro convinzioni, le persone che non vogliono preoccuparsi del cibo haram cercano l'espressione del certificato halal o del martirio halal sui prodotti. Questo documento viene fornito dopo le ispezioni effettuate prendendo in considerazione le regole di varie denominazioni nelle attività produttive. Mostra che i prodotti recanti questa etichetta non sono vietati secondo i principi religiosi islamici e sono validi a livello internazionale.

L'esistenza di questo documento crea innanzitutto fiducia nei consumatori. In questo modo, i consumatori fanno scelte consapevoli. I consumatori consumano questi prodotti in modo sicuro perché le società di produzione sono sotto costante controllo durante il periodo di validità del certificato.

Le attività di audit e certificazione sono svolte da organismi di certificazione indipendenti e imparziali. Durante le ispezioni, i metodi di preparazione e lavorazione dei prodotti, gli additivi utilizzati nella produzione e le condizioni igienico-sanitarie delle imprese vengono ispezionati in dettaglio. Gli audit vengono effettuati non solo in termini di conformità dei prodotti ai requisiti religiosi, ma anche in termini di conformità alle condizioni di pulizia e igiene delle imprese.

Oltre a questo, le imprese acquisiscono fiducia nei mercati nazionali ed esteri avendo questo certificato. Sta guadagnando vantaggio nella lotta contro i suoi concorrenti. Poiché vengono forniti anche altri standard di qualità, i rischi operativi vengono ridotti e gli errori di produzione vengono ridotti. Questa situazione crea riduzione dei costi e aumento della produttività per l'azienda.

Studi sul certificato di conformità islamico HALAL

Il Forum Internazionale di Accreditamento Halal si è svolto a 2013 ad Istanbul per mettere la certificazione Halal in un sistema ed eliminare le divergenze di opinioni tra enti certificatori, autorità religiose e paesi. Questo forum, sotto la guida di TÜRKAK Turkish Accreditation Agency, è il più grande studio al mondo nel campo della certificazione halal, degli standard e dell'accreditamento.

Studi di certificazione halal in tutto il mondo sono stati avviati con le richieste dei musulmani in paesi stranieri in cui i musulmani vivono in minoranza. Tuttavia, con l'emergere di visioni e pratiche diverse nel tempo, organizzazioni come l'International Halal Alliance Alliance, il World Halal Council, l'Institute of Standardization e Metrology of Islamic Countries (SMIIC) hanno iniziato a lavorare per creare un terreno comune in tutto il mondo. Tutti mirano ad armonizzare gli standard di certificazione halal, eliminando le differenze di implementazione tra i paesi e creando un sistema di accreditamento accettato in tutto il mondo.

Tra queste organizzazioni, l'istituto di normalizzazione e metrologia dei paesi islamici è stato istituito in 2010. Nel nostro paese, il Turkish Standards Institute ha condotto studi di certificazione alimentare halal da 2011, ed è basato sulla Guida generale sugli alimenti halal SMIIC 1 preparata da questa organizzazione.

Fondato in 2002, il World Halal Council ha sede a Giacarta e attorno a 60 il paese è membro del consiglio. Intorno ai paesi 60 sono membri di questo consiglio. Gli standard halal preparati dal World Halal Council con sede in Indonesia sono stati adottati da tutti gli stati membri. Tuttavia, gli stati membri hanno anche standard sviluppati da loro stessi.

Il World Halal Forum, anch'esso con sede in Malesia, è un'organizzazione di copertura e ha standard halal progettati da loro. Ha una rete di lavoro molto ampia. Tuttavia, il Forum si occupa principalmente del mercato dei prodotti certificati halal e perde considerevolmente il suo prestigio.

Come si può vedere, nel mondo di oggi gli organismi di certificazione halal sono sparsi e i loro loghi, standard, criteri di valutazione e prospettive sugli eventi sono sempre diversi gli uni dagli altri. Come tale, ci sono molte diverse applicazioni.

Il posto di approccio alimentare Halal nella storia

Il cibo halal si riferisce alla produzione, lavorazione, stoccaggio, trasporto e commercializzazione di prodotti alimentari secondo le regole islamiche dal campo al tavolo del consumatore. In un senso più ampio, nell'approccio alimentare halal, è essenziale che i prodotti alimentari di origine vegetale e animale rispettino i principi religiosi islamici e tutto da materie prime, ausiliari, ingredienti, additivi, metodi di lavorazione, condizioni operative e selezione dei materiali di imballaggio. Il cibo halal significa anche cibo igienico e affidabile in termini di salute. Questo è anche molto importante in termini di salute umana ed è pienamente conforme ai criteri di sicurezza alimentare, fatta eccezione per i principi religiosi.

Prima dell'Islam, c'erano anche cibi che potevano essenzialmente essere mangiati. Ad esempio, quelli che sono ancora dalla religione ebraica oggi rispettano rigorosamente gli standard Kosher e la certificazione Kosher. Il cibo halal è anche incluso nelle regole di questa religione. In effetti, il cibo halal è sempre esistito con la prima umanità. Il primo profeta Hz. Adamo e sua moglie furono espulsi dal cielo per aver mangiato il frutto dell'albero proibito. È sempre stato importante per le persone rimanere nei criteri alimentari halal nell'alimentazione e mangiare in questo contesto.

Durante l'impero ottomano, il timbro "tahir" sul cibo era il risultato dell'approccio alimentare halal. Questo timbro sui prodotti alimentari afferma che non vi è alcun danno nel consumare questi alimenti. Questa pratica degli Ottomani è accettata come primo esempio di certificazione alimentare, anche se non è nel senso attuale. Le basi di questa applicazione Hz. Hisbe fu fondata da Omar. Questa organizzazione è stata istituita per proteggere e controllare l'ordine pubblico e la moralità generale negli stati islamici.

Preoccupazioni su Halal Food

Benché oggigiorno le applicazioni alimentari halal siano diventate così diffuse in breve tempo, in realtà è un'applicazione proveniente da un passato molto lontano. Tuttavia, anche oggi, è ancora dibattuto se molti alimenti o applicazioni siano halal o haram. Ad esempio, i prodotti alimentari vengono interrogati per la produzione di ormoni, enzimi, gelatina e alcuni additivi che contengono, o per i metodi impiegati nelle fasi di produzione. Il consumo di additivi sconosciuti è dubbio se sia tagliato secondo i principi islamici o se sia di origine vegetale o trattato con alcol.

In aggiunta a ciò, gli studi di certificazione Halal condotti da organizzazioni non musulmane in paesi stranieri creano problemi di fiducia.

Una vasta gamma di additivi alimentari viene utilizzata per prolungare la durata di conservazione degli alimenti, per preservare i loro valori nutrizionali, per migliorare le loro proprietà tessiturali, per prevenire lo sviluppo di microrganismi patogeni, per rendere il loro gusto e aspetto più attraente e per preservare queste proprietà.

La vita lavorativa e le condizioni lavorative attuali, così come le condizioni economiche e sociali, hanno portato ad un aumento del numero di lavoratori. Le persone non trovano più il tempo per preparare il cibo, ma sono più propensi a mangiare pronti o pronti da mangiare. In breve, le abitudini alimentari della gente stanno cambiando. Pertanto, si prevede che gli alimenti possano essere conservati a lungo e mantenere la loro freschezza, aspetto, odore, colore e aroma nel primo tempo. Gli additivi alimentari sono usati per fornire queste proprietà ai prodotti. Dal punto di vista delle aziende produttrici, non è importante che i prodotti alimentari siano halal o proibiti.

Tuttavia, molti degli additivi alimentari usati sono discutibili. Le fonti da cui si ottengono gli additivi, se gli animali sono macellati secondo le regole religiose o se il lievito utilizzato nella produzione di formaggio è di origine animale sono sospettosi. Poiché la maggior parte degli additivi vengono importati da paesi non musulmani, le loro fonti non sono completamente note. È dubbio che anche le organizzazioni che rilasciano certificati alimentari halal percepiscano i concetti di halal e haram.

Uno di questi additivi è la gelatina. L'uso della gelatina nell'industria alimentare è estremamente alto. Sebbene gli organismi di certificazione in paesi stranieri scrivano sul prodotto che la gelatina è ottenuta solo dai bovini, questo non è sufficiente. Dovrebbero anche dichiarare che il bestiame è stato macellato in conformità con le regole religiose e che la gelatina è stata ottenuta dalle ossa e dalle pelli del bestiame. In caso contrario, la certificazione con informazioni incomplete significa ingannare il consumatore.

Soprattutto gli enzimi utilizzati nella produzione di formaggio sono anche additivi sospetti. Fino a poco tempo fa, la maggior parte degli enzimi utilizzati nell'industria alimentare erano di origine animale. Tuttavia, oggi vengono prodotti anche enzimi microbici.

In generale, il problema principale negli additivi alimentari è legato alle fonti di produzione. Secondo le regole religiose, gli additivi alimentari di animali non tagliati, animali morti, maiali e prodotti suini o da fonti sospette sono ampiamente utilizzati nel mercato. Pertanto, la ricerca di cibo halal oggi è più importante per i musulmani che vivono in paesi stranieri rispetto alle persone che vivono in paesi musulmani. In questo caso, bisognava introdurre nuove regole nelle società musulmane che vivevano in diverse parti del mondo per garantire che il cibo che consumano fosse halal. Gli studi sulla certificazione alimentare halal sono il risultato di questi sforzi.

Certificazione di conformità islamica halal in Turchia

Gli studi sulla certificazione alimentare halal sono iniziati nel nostro paese con 2000 anni. Prima di questa data, le aziende che spedivano merci all'estero ricevevano più certificati halal dalla Presidenza degli affari religiosi o da organizzazioni straniere e inviavano i loro prodotti. Non c'è stata molta richiesta di certificato alimentare halal nel paese.

GİMDES (Associazione per la ricerca sull'assistenza e la certificazione degli alimenti e dei bisogni) è stata la prima organizzazione a svolgere questo lavoro. Come organizzazione non governativa, questa organizzazione è stata fondata in 2005 per condurre ricerche su alimenti halal e prodotti sani. 2009 ha avviato studi di certificazione da allora. Questa organizzazione è anche membro del World Halal Council, WHC.

Il Turkish Standards Institute (TSE) ha avviato studi di certificazione solo da 2011. Gli studi di certificazione TSE sono basati sugli standard della Guida generale Halal Food preparati dall'Istituto di normalizzazione e metrologia dei Paesi islamici (SMIIC). Negli ultimi anni sono emerse altre organizzazioni che hanno emesso un certificato di conformità islamico halal. Sono principalmente accreditati da organizzazioni con sede in Indonesia.

Tuttavia, ci sono alcune critiche sulle attività di certificazione alimentare halal nel nostro paese. La base di queste critiche è che il cibo prodotto nel nostro paese è già halal. Con la certificazione, si afferma che esiste una concorrenza sleale nel mercato turco. A questo punto, si afferma che non c'è nulla da discutere nel settore alimentare oltre alla macellazione di animali e l'uso di alcool nel nostro paese. Inoltre, l'insensatezza di cercare halal in alimenti come latte, formaggio, miele o spezie è enfatizzata. Ma la verità non è così. Perché le ispezioni effettuate dal Ministero dell'alimentazione, dell'agricoltura e dell'allevamento rivelano che ci sono seri problemi non solo nel cibo halal ma anche nel settore alimentare in generale. Soprattutto in termini di conformità con le condizioni igieniche e di pulizia.

Le esitazioni sul fatto che l'acqua utilizzata nella produzione alimentare o addirittura consumata direttamente nel nostro paese siano halal ha iniziato a mettere in discussione se l'acqua esportata in Israele soddisfi gli standard Kosher. Come è noto, dopo che l'acqua è stata prelevata dalla fonte, viene filtrata. Il sistema a membrana viene utilizzato per il filtraggio. Questo sistema contiene glicerina. Se gli ingredienti vegetali sono usati per produrre questa glicerina, va bene. Tuttavia, se questi animali vengono macellati conformemente alle norme se sono di origine animale, entra in gioco la dimensione dell'azione halal dell'opera. Anche questo esempio dimostra la necessità di certificazione elicoidale nei prodotti alimentari.

Di conseguenza, le attività di coltivazione e di produzione animale rivestono un'importanza strategica per la sicurezza alimentare e devono essere affrontate a livello nazionale per garantire la sostenibilità. Oggi non si parla più del motivo per cui il cibo halal dovrebbe essere causato, ma invece è discusso. Pertanto, il settore alimentare e il problema dell'alimentazione halal dovrebbero essere supportati da studi scientifici in settori quali economia, tecnologia, medicina e affari. Gli studi sulla certificazione alimentare halal non sono importanti solo in termini di regole religiose, ma anche in termini di condizioni igieniche e igienico-sanitarie dei siti di produzione e dei metodi di produzione. Essenzialmente uno dei requisiti fondamentali della religione è di essere puliti e sani. La definizione di cibo halal, la qualità, i prodotti affidabili e sani dovrebbero essere compresi. Pertanto, come in altri sistemi di certificazione dei prodotti, devono essere rispettate le condizioni igieniche e igienico-sanitarie e i requisiti di sicurezza alimentare devono essere presi come base in tutti i processi come la raccolta, la lavorazione, l'imballaggio, lo stoccaggio e il trasporto.

L'aspetto più controverso degli studi Halal sulla certificazione di conformità islamica è che non esiste ancora una piena unità tra paesi e organizzazioni. Questa è la ragione principale di alcune delle preoccupazioni e dei dibattiti che si stanno svolgendo oggi. Inoltre, gli organismi di certificazione devono aprire il sistema e il metodo applicato di più e essere trasparenti. I consumatori dovrebbero risolvere le loro esitazioni e essere più consapevoli. A questo punto, le istituzioni di accreditamento hanno la responsabilità. Per la certificazione e l'accreditamento degli alimenti halal, dovrebbe essere sviluppata una struttura in cui le parti interessate lavoreranno insieme. Sebbene ci siano studi in questa direzione, è difficile dire che si ottengano risultati rapidi.

A questo punto, le associazioni dei consumatori e le organizzazioni non governative dovrebbero essere più organizzate, contribuire alle istituzioni competenti a livello accademico e sensibilizzare le persone. Sfortunatamente, le pubblicazioni odierne scritte, visive ed elettroniche sugli alimenti halal causano un grave inquinamento delle informazioni.

È anche un approccio sbagliato per le aziende produttrici di alimenti considerare la certificazione halal solo come un valore economico. Come affermato all'inizio dell'articolo, la dimensione di questo mercato è di circa 2 trilioni di dollari. Tuttavia, se questo problema è preso dalla prospettiva di interesse e profitto, sarà lo stesso mercato alimentare halal a soffrirne.

Uno dei temi discussi è se gli studi di certificazione halal debbano o meno essere eseguiti da organizzazioni musulmane con comprovata competenza in questo campo. Il certificato Kosher per le comunità ebraiche è emesso da un'organizzazione ebraica. È controverso che un certificato alimentare halal deve essere rilasciato da un'organizzazione musulmana. Questo è significativamente correlato alla sensibilità mostrata al soggetto. Il lavoro di documentazione da parte di organizzazioni non musulmane dipende interamente da quali norme si applicano, quanto bene conoscono questi standard, quanto bene hanno padroneggiato i principi religiosi islamici e se sanno quanto sia sensibile la società. Oggi gli stranieri possiedono la percentuale di 80 del mercato alimentare halal in tutto il mondo. Questa è una percentuale enorme. Pertanto, sia l'Istituto di normalizzazione e metrologia dei paesi islamici (SMIIC) che le organizzazioni all'interno dell'Organizzazione di cooperazione islamica dovrebbero essere più attivi nell'aumentare il commercio internazionale e il riconoscimento nel mercato halal. Nel nostro paese, si prevede che gli studi accademici saranno condotti sotto la guida delle università, verrà istituito un laboratorio di accreditamento e sarà aperto un Halal Research Institute.

certificazione

L'azienda, che fornisce servizi di auditing, supervisione e certificazione a standard riconosciuti a livello internazionale, fornisce anche servizi di ispezione, test e controllo periodici.

Bize Ulaşın

Indirizzo:

Head Office Mh, Gencosman Cd, No 11
Gungoren - Istanbul

telefon:

+ 90 (212) 702 40 00

Whatapp:

+ 90 (532) 281 01 42

Perché TÜRCERT

Arama